Artemide


Louvre Abu Dhabi
progettato da Jean Nouvel

La luce Artemide mette in scena le opere esposte al nuovo Louvre Abu Dhabi.

La riflessione da tempo avviata da Jean Nouvel e Artemide sul rapporto fra luce e architettura trova in questa grandiosa opera  un proficuo campo di sperimentazione, che ha portato alla messa a punto di una nuova versione del proiettore Cata progettato da Carlotta de Bevilacqua.

Per l’illuminazione del Louvre di Abu Dhabi era necessario un proiettore che fosse in grado di regolare il rapporto tra la luce e l’ombra, per integrarsi nella grande copertura e ottenere un flusso di luce definito sulle opere esposte. Le prestazioni richieste da Jean Nouvel per il museo erano molto precise e dovevano soddisfare vari requisiti per integrarsi sia al progetto della grande copertura traforata, sia per la messa in scena dei vari allestimenti museografici. Abbiamo subito capito che Cata era il prodotto perfetto per questo progetto – afferma l’architetto Carlotta de Bevilacqua – perché grazie alla sua caratteristica di essere una piattaforma aperta, poteva soddisfare completamente le varie richieste. La sua capacità di supportare ottiche differenti gli permette infatti di ottenere le varie performances di luce necessarie.

Cata TIR è espressione di innovazione optoelettronica brevettata ed altissima qualità della luce nella precisione del controllo dell’emissione, dei puntamenti, della gestione e nell’altissima resa cromatica.
Cata è un proiettore capace di assecondare le molteplici variazioni della luce naturale che penetra dalla enorme cupola, illuminando al tempo stesso con flessibilità, controllo e precisione opere di dimensioni, matericità epoche e stili molto diverse tra loro.
Ogni singolo apparecchio è impostato su uno specifico livello di illuminamento che viene mantenuto costante nel tempo con il variare delle condizioni di luminosità naturale, nel pieno rispetto delle opere esposte e del paesaggio luminoso ricreato all’interno del museo, grazie ad un innovativo Questa ricchezza di performance si traduce in un apparecchio che mantiene il principio della trasparenza e della leggerezza, per smaterializzare la sua presenza nello spazio rendendo protagonista la luce.

Artemide è stata scelta per illuminare non solo gli spazi espositivi del grande museo del Louvre Abu Dhabi, ma anche le aree pubbliche degli shopping store con la versione catadriottica del proiettore Cata.

Nelle aree di servizio sono installate lampade della collezione design come Dioscuri e negli uffici l’illuminazione è affidata all’iconica e funzionale Tolomeo.

nh1217 by Neri&Hu
Artemide alla Dubai Design Week 2017