Artemide


The Good Light

Designing a light for people means going beyond the purely functional aspects of lighting

prev
next

La luce deve essere supporto allo stato di benessere psico-fisico e allo stesso tempo rispettare i valori ambientali.

Variando colore o temperatura di colore, costruisce emozioni e relazioni. Le radiazioni luminose che raggiungono i nostri occhi vengono trasformate in impulsi elettrici e trasmesse, mediante il nervo ottico, al cervello. Da qui si origina una serie di input che vengono trasmessi a tutto l’organismo. In particolare, quando gli impulsi raggiungono l’ipotalamo, si determina un incremento della serotonina, neurotrasmettitore deputato al controllo del tono dell’umore. Quando gli impulsi raggiungono l’epifisi si assiste ad una riduzione della melatonina, ormone sensibile al ciclo giorno-notte. Curativa di queste reazioni neurofisiologiche è la variazione di quantità e qualità della luce a cui è esposto l’individuo, in base alla quale è possibile determinare un cambiamento del tono dell’umore.

L’individuo, inoltre, ha bisogno nei diversi momenti della giornata di agire in modo molto diverso, ha necessità di concentrarsi, di fare sforzi, di rilassarsi, di ascoltare e guardare con occhi attenti tutto ciò che lo circonda. Progettare la luce significa andare oltre l’aspetto puramente funzionale dell’illuminazione e abbracciare una dimensione più ampiache faccia capo a una nuova attenzione per l’esperienza percettiva.

Jérôme Brunet: Selena

Per i fisiologi il concetto d’ « Habitus » è particolarmente importante. L’uomo ha le capacità di adattarsi, di adeguarsi, di abituarsi …

Ciò non significa che la forza dell’abitudine lo faccia stare bene in un contesto inadatto. Il lavoro che seguiamo nel settore ospedaliero da molti anni tende ad adattare i luoghi all’uomo e non viceversa. La qualità della luce naturale ed artificiale è una componente primordiale del “benessere” e ancor più nei luoghi di cura. La nostra ricerca portata avanti con Artemide tende, attraverso un innovativo concetto di luce, a migliorare e facilitare le condizioni di vita e di lavoro negli edifici pubblici.

Questo concetto si fonda sulla fusione fra un programma che riunisce l’illuminazione d’ambiente direzionale ed indiretta e il programma sviluppato da Artemide “Tunable white” e “Tunable RGB” sulla variazione di temperatura della luce facendolo evolvere verso una tecnologia LED, in una ricerca di lunga durata e innovazione.

La sua morfologia declinata nella gamma che si vuole semplice, funzionale ma anche magica e poetica. Una tecnologia innovatrice, appropriata e ricca, custodita in un contenitore delicato, dolce ed evidente.

Artemide Augmented Reality
The Acoustic Light