We use cookies on this website. See our cookie policy for more information.
OK

Artemide


Crocifisso di Giotto

Back to previous page

Project: Crocifisso di Giotto
Category: museum & galleries
Firenze (Italia)

Projects by Nord Light (Gruppo Artemide)

Torna nella Chiesa di Ognissanti a Firenze il magnifico Cristo di Giotto, dopo un lungo restauro curato dall'Opificio delle Pietre Dure che ne ha recuperato la perfezione artistica e la straordinaria emozione visiva. I restauratori hanno affidato la nuova illuminazione alla competenza Nord Light (Gruppo Artemide), l'Azienda da più di 12 anni protagonista del settore L.E.D.

Nord Light ha affrontato una missione progettuale complessa: esaltare lo splendore ritrovato del capolavoro di Giotto, avvicinare l'occhio del fedele nella scoperta del volto del Cristo dal basso verso l'alto, utilizzare prodotti non nocivi per l'opera.

Nord Light ha pienamente raggiunto gli obiettivi richiesti realizzando ai lati della cappella che ospita l'opera due torri illuminanti, di quattro metri, equipaggiate con 10 faretti a L.E.D. orientabili sia in orizzontale che in verticale, per dirigere la luce solo sulla Crocifisso e solo su zone ristrette del Crocifisso: non una luce piatta ma una luce che mette in evidenzia il gioco di chiari e scuri prodotto dagli elementi in aggetto e in bassorilievo. I faretti infatti, provenendo da più direzioni, esaltano le parti in rilievo, come ad esempio l'aureola, le sfaccettature del tavolato ligneo e gli elementi decorativi, come le punzonature. Un ulteriore prodotto illuminante con 4 faretti a L.E.D. è stato posto ai piedi del Crocifisso per indirizzare la luce dal basso verso l'alto seguendo lo sguardo del fedele.

Nord Light ha utilizzato L.E.D. CREE MC-E ad alto indice di resa cromatica CRI sia bianco caldo a 3000° K per risaltare l'oro, sia bianco neutro a 4000° K per risaltare il blu dei lapislazzuli, secondo colore dominante del Crocifisso. I faretti a L.E.D., oltre ad aver un buon impatto visivo, non creano alcun danno all'opera perchè sono privi di raggi UV e di calore.

La soluzione progettuale Nord Light, per il tipo di faretti adottati e per aver realizzato una luce che proviene da più direzioni, oltre ad esaltare lo splendore dei colori e della "luce propria" che emana l'intera composizione pittorica di Giotto, evidenzia anche, seppur in modo silenzioso per un occhio poco esperto, il ritocco pittorico realizzato ad arte con la tecnica della selezione naturale.