Usiamo i Cookies su questo sito per garantire il miglior servizio possibile. Ecco perché

Arik
Levy

"La creazione è un muscolo involontario" secondo Arik Levy (nato nel 1963).
Artista, tecnico, fotografo, designer, video artista, le competenze di Levy sono multidisciplinari e le sue opere sono esposte e installate in tutto il mondo. Meglio conosciuto pubblicamente per le sue sculture -

come i suoi pezzi Rock -, le sue installazioni, le edizioni limitate e il design, Levy sente comunque "il mondo è fatto di persone, non di oggetti".
Originario di Israele e trasferitosi in Europa dopo la sua prima partecipazione a una mostra collettiva di scultura a Tel-Aviv nel 1986, Levy ha aperto il suo studio a Parigi nel 1992.
Fortemente dislessico, l'arte diventa il suo mezzo di espressione. La sua formazione è stata non convenzionale: il surf e la pittura su tavole da surf (usate come se fossero tele), il suo studio d'arte e di grafica hanno occupato tutto il suo tempo. Dopo anni di pratica, Levy decide di intraprendere gli studi presso l'Art Center Europe in Svizzera, dove si laurea con lode nel 1991.
Dopo un periodo in Giappone dove consolida le sue idee, osservando la cultura e lo stile di vita minimalista giapponese e facendo esperienze molto diverse, come la produzione di prodotti e pezzi per mostre, Levy torna in Europa dove contribuisce con la sua arte ad un altro campo - la danza contemporanea e l'opera lirica attraverso la scenografia e le installazioni.
La creazione del suo studio significa allora un ritorno all'arte, il suo primo amore, seguito dal design industriale, oltre ad altri modi di esprimere il suo talento.
Considerandosi ora più un artista "sentimentale", Arik Levy continua a contribuire in modo sostanziale al nostro ambiente interno ed esterno con la sua opera, che comprende la scultura pubblica, così come ambienti completi che possono essere adattato per il multiuso. "La vita è un sistema di segni e simboli", dice, "in cui nulla è ciò che sembra".
prec. succ.