Usiamo i Cookies su questo sito per garantire il miglior servizio possibile. Ecco perché

Richard
Sapper

Sapper (1932 - 2015) ha iniziato la sua carriera di designer nel reparto stile della Mercedes Benz di Stoccarda, per poi trasferirsi a Milano nel 1958 per lavorare con l'architetto Gio Ponti e nella divisione design de "La Rinascente". Nei primi anni Sessanta Sapper inizia a collaborare con l'architetto
italiano Marco Zanuso. Rinomati per la loro estetica del minimalismo scultoreo, sviluppano una serie di televisori e radio per Brionvega, la leggera sedia per bambini impilabile K1340 per Kartell e il compatto telefono pieghevole Grillo per Siemens/Italtel. Nel 1959, quando fonda il suo studio indipendente, Sapper disegna per Lorenz l'orologio statico, che gli vale il primo Compasso d'Oro nel 1960. Sapper continua a creare classici del design tra cui la lampada Tizio per Artemide nel 1972, una delle prime lampade da tavolo che utilizzava lampadine alogene con bracci conduttori di corrente a bassa tensione che eliminano la necessità di fili. Con la sua forma essenziale e lineare e la sua funzionalità dinamica, Tizio è diventata subito un'icona, un vero capolavoro di design. Rimane una delle lampade più vendute mai prodotte fino ad oggi ed è inserita nella Collezione Permanente di Design del Museum of Modern Art di New York.
Richard Sapper ha ricevuto numerosi premi per i suoi prodotti e i suoi progetti sono rappresentati nelle collezioni permanenti di molti musei a livello internazionale. Nel 2012 Sapper ha ricevuto la Croce al Merito dell'Ordine al Merito dal Presidente della Repubblica Federale Tedesca. Nel 2014 ha ricevuto il premio Compasso d'Oro alla carriera dall'Associazione Design Industriale ADI.
Sapper (1932 - 2015) ha iniziato la sua carriera di designer nel reparto stile della Mercedes Benz di Stoccarda, per poi trasferirsi a Milano nel 1958 per lavorare con l'architetto Gio Ponti e nella divisione design de "La Rinascente". Nei primi anni Sessanta Sapper inizia a collaborare con l'architetto
prec. succ.