Usiamo i Cookies su questo sito per garantire il miglior servizio possibile. Ecco perché

Giuseppe Maurizio
Scutellà

Designer industriale, attento e sensibile alle diverse correnti di design e artistiche più significative ed eterogenee dell'ultimo secolo, unisce all'interno della propria proposta una duplice anima: tecnica ed artistica.
Libero di utilizzare il “Form Follows Function” o il “Function

Follows Form” a seconda del tema affrontato, ha un significativo background tecnico; per 12 anni, infatti, riveste il ruolo di Senior Project Tech Designer di stampi di pressofusione e plastica, realizzando attrezzature e stampi per Kawasaki, Ducati, Mercedes, Bonfiglioli, Sylber, Metalwork, Gaggia, Fini, Prisma, Tronconi, Artemide. Per altri 14 anni, parallelamente al ruolo di Ricerca e Sviluppo nel settore casa con Mepra S.p.A., comincia la propria collaborazione come designer per la casa in acciaio inox e plastica high tech con Pandora Design, United-Pets, Bialea Industrie, Rak Porcellain.
Con Artemide, realizza nel 2008 "Pirce" (Good_design 2008, Red Dot Award 2009, IF Design Award 2010) e nel 2011 "Alcatraz". Collabora come consulente tecnico/sviluppo prodotto con alcuni dei maggiori gruppi di illuminazione tecnica mondiali. Il suo pensiero creativo può essere riassunto in queste righe: "Un apparecchio illuminotecnico ha un'anima, suggerisce un racconto, spesso è una poesia senza versi scrtti, composta da una sintassi di chiari e scuri. La luce è un suono luminoso che rapisce, è meravigliosamente viva, dinamica ed al contempo intima e gentile. Rispettarne la natura abbracciandone i linguaggi, cercare di offrire più chiavi di lettura, laddove posso, nei progetti che affronto, è il mio modo di avvicinarmi alla sua essenza magica."
prec. succ.